Genere e violenza. Quando le donne chiedono asilo

Casa delle donne per non subire violenza, Bologna
In collaborazione con ESCAPES

Call for interventions/papers
Genere e violenza. Quando le donne chiedono asilo

Seminario organizzato nell’ambito del
FESTIVAL “LA VIOLENZA ILLUSTRATA”
XII edizione, Novembre 2017

Logo del festival La violenza illustrata
Scadenza 10 settembre 2017 – massimo 6000 battute (spazi inclusi).
Parole chiave: violenza di genere; migrazioni per asilo; politiche di accoglienza; razzismo/sessismo; soggettività.


La call è chiusa
Vai al programma del seminario


Continua a leggere

Escapes 2016 call for presentations – panel 5

Terza conferenza annuale di ESCAPES

Europa e migrazioni forzate
Quale futuro per le politiche europee?
Quali forme e pratiche di resistenza?

Bari, 23-24 giugno 2016

È aperta la call for presentations per intervenire in uno dei panels che si terranno in occasione della terza Conferenza annuale di Escapes.

5) Il sistema europeo comune di asilo alla prova dei diritti umani

Proponente: Adele Del Guercio (Ricercatrice di Diritto internazionale, Università degli Studi di Napoli L’Orientale) Continua a leggere

Il principio di effettività nel diritto delle migrazioni forzate

Il principio di effettività nel diritto delle migrazioni forzate dalle fondamenta costituzionali al sistema d’asilo europeo.

L’articolo di Romina Amicolo è stato pubblicato nel numero 255 – 01 Gennaio 2016 di Immigrazione.it, la rivista internet quindicinale edita da Studio immigrazione che si pone come obiettivo principale l’approfondimento degli aspetti giuridici del fenomeno dell’immigrazione, della condizione dello straniero (tratto dalla presentazione della rivista).

Continua a leggere

NOI E GLI ALTRI

Dialoghi sull’accoglienza e le relazioni con i richiedenti asilo e rifugiati

Formazione proposta da Centro Astalli Trento, Atas onlus, Cooperativa Punto d’Approdo e Cinformi – Centro Informativo per l’immigrazione della Provincia Autonoma di Trento per operatori che a diversi livelli si occupano di migrazioni forzate, volontari, studenti e cittadini interessati. Continua a leggere

Panel 2 – Nuovi crocevia per i richiedenti asilo lungo i confini terrestri italiani. Realtà locali, dinamiche multi-scalari

Proponente: Giulia Scalettaris, PhD, Università di Lille, Laboratorio Escapes

Sebbene le migrazioni in provenienza da zone di crisi in Africa, Asia e Medio Oriente che investono l’Europa dagli anni ’90 interessino le zone dell’Italia settentrionale situate in prossimità della frontiera terrestre in modo meno visibile rispetto alle regioni costiere dell’Italia meridionale, questi territori costituiscono un osservatorio particolarmente interessante per esaminare il modo in cui si stanno riconfigurando le mobilità dei richiedenti asilo in Europa.

Nel caso del Triveneto, i flussi che hanno investito questa regione nel corso degli ultimi vent’anni si sono trasformati non soltanto in relazione ai conflitti nel mondo, ma anche – e soprattutto – sotto l’impulso dell’allargamento dell’Unione Europea, dell’evoluzione delle politiche migratorie e d’asilo dei paesi europei e balcanici, e del relativo proliferare di reti clandestine di passeur.

Questa regione di confine situata allo sbocco delle rotte balcanica e adriatica continua a rappresentare un luogo privilegiato di transito per i futuri richiedenti asilo diretti verso l’Europa settentrionale e occidentale, ma si sta configurando sempre più come un crocevia e come un luogo di soggiorno più o meno duraturo. L’incremento di arrivi registrato negli ultimi tempi appare principalmente legato all’importanza crescente della rotta balcanica, all’aumento della mobilità infra-europea dei richiedenti asilo e alla presenza sul territorio di una Commissione per il riconoscimento della protezione internazionale. Mentre le risposte istituzionali in tema di accoglienza e asilo, così come i dibattiti pubblici si svolgono per lo più a livello locale e si caratterizzano per un approccio emergenziale, si fanno sentire l’esigenza di un confronto fra realtà contigue e il bisogno di contestualizzare le evoluzioni dei flussi e delle risposte istituzionali nell’ambito di un quadro più ampio.

Questo panel si propone pertanto di rintracciare, a partire da casi studio di realtà o iniziative locali, le dinamiche multi-scalari che concorrono a determinare gli andamenti recenti dell’asilo in Triveneto e in altre aree frontaliere interessate da rotte via terra che ad esso possono essere comparate. Particolare attenzione sarà prestata all’interazione fra dinamiche locali, regionali, nazionali, europee e globali.

Vai alla pagina della call

Call for presentations

logo_escapesIn occasione della Conferenza annuale di Escapes che si terrà nei giorni 11 e 12 giugno 2015 verranno proposti i seguenti panels in diverse sessioni parallele.

È aperta la call for presentations per intervenire in uno dei seguenti panels.
Le proposte vanno fatte pervenire alla mail di Escapes migrazioniforzate@unimi.it, con oggetto “COGNOME_PANEL N. X” entro e non oltre l’11 maggio 2015.
La proposta non deve superare le 1.000 parole e va accompagnata da una breve nota biografica del/i proponente/i.

Ciascun panel sarà organizzato con un’introduzione del/dei proponente/i, seguita da presentazioni della durata massima di 15 minuti (massimo 4/5), per dare modo di sviluppare la discussione tra i relatori e i partecipanti.
La lingua di lavoro dei panel sarà l’italiano (solo per il panel 3 si valuterà la scelta lingua sulla base delle proposte di presentazione accettate).

[scarica qui l’elenco dei panel]

1) Il confine umanitario

Proponenti:
Paolo Cuttitta, VU University Amsterdam, Laboratorio Escapes;
Glenda Garelli, University of Illinois-Chicago;
Alessandra Sciurba, Università di Palermo;
Martina Tazzioli, Queen Mary University, London

2) Nuovi crocevia per i richiedenti asilo lungo i confini terrestri italiani. Realtà locali, dinamiche multi-scalari

Proponente:
Giulia Scalettaris, PhD, Università di Lille, Laboratorio Escapes

3) Il reinsediamento e altri regimi di ammissione in Europa: tra politiche attuali e possibilità future

Proponenti:
Milena Belloni, Dottoranda in Sociologia e Ricerca Sociale, Università di Trento, Laboratorio Escapes;
Emanuela Paoletti, Research Associate presso il Refugee Studies Center, Oxford University

4) Mobilità delle persone e accesso all’Europa

Proponente:
Adele Del Guercio, Università degli Studi di Napoli L’Orientale, Laboratorio Escapes

5) Il «principio di effettività» nella protezione internazionale. Profili di  teoria e pratica del diritto per una ricostruzione storica e una riflessione critica  sul  sistema d’asilo

Proponente:
Romina Amicolo, PhD in Filosofia del Diritto, Avvocato ASGI, Laboratorio Escapes

6) Emergenza senza fine o fine dell’emergenza? Quali prospettive per l’accoglienza in Italia

Proponente:
Associazione Asilo in Europa, Laboratorio Escapes

7) Sistemi di accoglienza e migrazioni forzate. Riflessività e ruolo degli operatori sociali

Proponenti:
Davide Biffi, Laboratorio Escapes;
Chiara Tasinazzo, Laboratorio Escapes

8) Il sistema di accoglienza riservato ai Minori Stranieri non Accompagnati che transitano o si fermano in Italia. Un analisi critica del modello italiano di “governance multilivello”

Proponenti:
Enza Roberta Petrillo, Post-doc Researcher in Political and Social Science, Università Sapienza di Roma, Dipartimento Memotef/Centro di Ricerca EuroSapienza, Laboratorio Escapes;
Elena Ambrosetti, Assistant Professor in Demography, Università Sapienza di Roma, Dipartimento Memotef

9) Matrimoni e parentele nelle migrazioni forzate

Proponente:
Francesca Declich, Professore Associato in etnologia e antropologia socio-culturale presso l’Università di Urbino, Laboratorio Escapes

10) Abitare i luoghi dell’emergenza. Un dialogo interdisciplinare sugli spazi del rifugio

Proponenti:
Eleonora Riva, Università degli Studi di Milano, Laboratorio Escapes;
Nicola Rainisio, Università degli Studi di Milano, Laboratorio Escapes

11) Dentro/Fuori le istituzioni: contributi etnografici sulle zone d’ombra del sistema d’accoglienza in Italia

Proponenti:
Elena Fontanari, Università degli Studi di Milano, Laboratorio Escapes;
Giulia Borri, BGSS – Humboldt University of Berlin, Laboratorio Escapes

La conferenza è organizzata da “Escapes. Laboratorio di studi critici sulle migrazioni forzate”, in collaborazione con Università degli Studi di Milano – Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche e Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali – e Università degli Studi di Milano-Bicocca – Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione.

Dettagli ulteriori relativi all’organizzazione verranno forniti nel mese di maggio attraverso il sito www.escapes.unimi.it

Comitato organizzatore: Luca Ciabarri, Emanuela Dal Zotto, Elena Fontanari, Chiara Marchetti, Barbara Pinelli

COS’È IL DIRITTO D’ASILO?

venerdì 13 marzo 2015 ore 20.30
serata informativa presso la Parrocchia di San Giuseppe, Trento

PROGRAMMA:

20.30 | benvenuto degli organizzatori
20.40 | l’attività del Centro Astalli ed il suo impegno con i richiedenti asilo, la rete sul territorio
interviene A. Koko (Coordinatore del Centro Astalli)
21.00 | Chiedere asilo è un diritto. Breve presentazione della procedura d’asilo.
Interviene: N. Luli (Area legale)
21.15 | L’accoglienza dei richiedenti asilo nel quartiere di S. Giuseppe
D. Danese / F. Rivoli (Area accoglienza)
21.30 | La protezione internazionale attraverso le esperienze di accoglienza di Via Veneto: testimonianze
21.50 | Le attività di volontariato sul territorio
Interviene: L. Martinello (Area integrazione)
22.10 | Interventi dal pubblico
Modera N. Luli
22.30 | Conclusione della serata

Segnalato dal Centro Astalli Trento

Il Centro Astalli Trento è un’associazione di volontariato che si ispira al Jesuit Refugee Service (servizio dei Gesuiti per i rifugiati) e ai principi della solidarietà sociale.

https://www.facebook.com/centroastallitn
http://www.centroastalli.vsi.it/

Clinica Legale Per i Diritti Umani

Dipartimento di Scienze Giuridiche, della Società e dello Sport
Università degli Studi di Palermo
dal 19 marzo al 10 aprile 2015

La ‘Clinica Legale Per i Diritti Umani’ è un programma di formazione legale con approccio prevalentemente pratico rivolto agli studenti di scienze giuridiche.
Capacità e competenze, teoriche e pratiche dei giovani giuristi saranno acquisite anche attraverso le attività dello sportello di orientamento legale della clinica.
Partendo dalle esigenze di tutela e accesso ai diritti di individui e gruppi vulnerabili, come migranti e richiedenti asilo, nonché dal ruolo già svolto da associazioni e studi legali presenti sul territorio e che operano a beneficio dei migranti, la clinica si propone di supportare l’attività svolta dagli attori già esistenti, favorendo la sinergia e la collaborazione.

 

I Seminario: Cosa è una clinica legale. Workshop su casi di discriminazione
Giovedì 19 marzo 9:30-13:30 e 14:30-18:30
2 CFU Intervengono: Clelia Bartoli, Maria Romano, Serena Romano, Pietro Denaro, Enrico La Grassa

 

II Seminario: Il diritto d’asilo ed i sistemi di accoglienza
Giovedì 26 marzo 14:30-18:30; Venerdì 27 marzo 9:30-13:30
2 CFU Intervengono: Fulvio Vassallo Paleologo; Elena Consiglio, Irene Grifò, Laura Verduci, Giovanni Annaloro

 

III Seminario: La tratta e lo sfruttamento lavorativo
Giovedì 9 aprile 14:30-18:30; Venerdì 10 aprile 9:30-13:30
2 CFU Intervengono: Letizia Palumbo; Alessandra Sciurba

 

Ogni seminario dà diritto a 2 CFU previo superamento colloquio d’esame. Si prega di inviare una e-mail di prenotazione indicando i seminari a cui si intende partecipare a: clinicalegaledirittiumani@unipa.it

QUI l’evento su FB
QUI la locandina sul blog Diritti e Frontiere

Workshop on Iraqi Kurdistan and migration

Migration to and from Iraqi Kurdistan: New times, new migrations?
08 May 2015, Peace Research Institute Oslo (PRIO)

Whether it is in spite of or because of the turbulent history of Iraqi Kurdistan, research on its wide range of migration processes is underdeveloped. This workshop is intended to be a response to that imbalance in research priorities, all the more striking given the surge of international interest in the region nowadays.

Deadline for submission of abstract is March 24 (SEE BELOW).

Experienced and early career researchers working on relevant issues are invited to submit contributions. A limited number of travel grants are available. Contributions from researchers based in Iraqi Kurdistan are particularly welcome.


Call for abstracts

Migration to and from Iraqi Kurdistan: New times, new migrations?

The Peace Research Institute Oslo (PRIO) welcome you to an interdisciplinary workshop on migration issues in Iraqi Kurdistan. Experienced and early career researchers currently working on issues relating to migration and Iraqi Kurdistan are invited to submit contributions.

The purpose of the workshop is twofold. Firstly, to advance our understanding of migration to Iraqi Kurdistan. This includes but is not limited to:

  • Return migration from the region and from Europe.
  • The sudden and dramatic influx of displaced people in the wake of Islamist political violence and state failure, and its implications for the Kurdish Regional Government (KRG).
  • Labour migration from South East Asia and elsewhere.
  • The influx of international and regional companies and their employees, as well as embassies, military and humanitarian personnel, etc.

Secondly, the workshop aims to identify the past, present and future processes of international migration from Iraqi Kurdistan. This includes but is not limited to:

  • Asylum and reunification migration to Europe.
  • ‘New’ forms of migration to ‘new’ destinations, e.g. business travels to China.
  • Kurdish diplomats abroad.
  • International research fellowships and international student mobility.

Iraqi Kurdistan has undergone major transformations during recent decades, witnessing repression, genocide and ethnic persecution, but more recently also staggering though inequitable economic growth and urban development. Whether it is in spite of or because of the region’s turbulent history, research on migration in Iraqi Kurdistan has remained remarkably absent given its empirical magnitude and theoretical implications. The dearth of substantial research is all the more striking given the recent surge of international interest in the region. As a quasi-state, the study of the KRG could also lend itself to the comparative study of migration in the process of state formation.

This workshop, in conjunction with the project Possibilities and Realities of Return Migration (PREMIG), aims to bring together researchers working on such issues for a one-day exploratory workshop. The Peace Research institute Oslo (PRIO) will cover accommodation (two nights) and meals during the workshop. A limited number of travel grants are available for participants who are unable to cover their own travel expenses. Applicants in need of such assistance should request it explicitly when submitting their abstract.

The abstract, up to 250 words, must be sent to erlpaa@prio.no by 24 March 2015. It must be accompanied by the author’s name and affiliation (institution and department), email address, and a brief biography. Authors will be notified by 26 March and selected invitees will receive their invitation to participate in the workshop, 8 May 2015. The workshop (presentations and discussions) will be held in English only. The organiser particularly encourages the participation of researchers from universities in Iraqi Kurdistan.

For any further questions or information, please contact:

Erlend Paasche
E-mail: erlpaa@prio.no
Phone: (+47) 47 40 12 16
Peace Research Institute Oslo (PRIO)


Note: The material contained in this communication comes from the
Forced Migration Discussion List which is moderated by Forced Migration
Online, Refugee Studies Centre (RSC), Oxford Department of International
Development, University of Oxford. It does not necessarily reflect the
views of the RSC or the University.

Tavola Rotonda sull’Asilo a Brescia

Tavola Rotonda sull’Asilo e presentazione del primo “Rapporto sulla protezione internazionale in Italia 2014” curato da ANCI, Caritas, Cittalia, Migrantes e SPRAR, in collaborazione con l’UNHCR

L’evento avrà luogo a Brescia il 12 febbraio 2015 in piazza Repubblica 1, al primo piano, in Salone Savoldi. Parteciperanno:

  • Mario Morcone (Capo Dip. Libertà Civili Immigrazione Ministero dell’Interno)
  • Daniela Di Capua (Direttrice Servizio Centrale SPRAR)
  • Riccardo Clerici (ACNUR)
  • Gianfranco Schiavone (Europasilo)
  • Gabriele Zanni(Presidente Associazione Comuni Bresciani)

Per l’occasione sarà allestita, nell’atrio, la mostra fotografica
“Nuovi vicini – trovare rifugio in Comunità Accoglienti” di Livio Senigalliesi.

In allegato il programma della giornata che sarà introdotta dai saluti del Sindaco di Brescia, l’Assessore alle Politiche per l’Inclusione, il Presidente della Provincia, il Questore e il Prefetto di Brescia.

Barbara Sorgoni

Barbara Sorgoni è ricercatrice confermata al Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna. I temi di ricerca sono:

Antropologia e colonialismo: storia dell’antropologia italiana durante il periodo coloniale; analisi antropologica della società coloniale nel Corno d’Africa; analisi dei discorsi accademici (giuridici ed antropologici), delle pratiche di relazione (inclusione, esclusione, segregazione) e delle relazioni intime (analisi di genere).

Continua a leggere

Rifugiati, Italia ultima tra i grandi paesi Ue per incidenza sulla popolazione

ROMA – “Al di là delle misure immediate è evidente a tutti che il dramma di Lampedusa esige una riflessione generale sulle politiche comuni di asilo e migratorie”. Con queste parole il presidente del Consiglio Enrico Letta ha annunciato la sua intenzione di mettere al centro del Consiglio d’Europa, che si apre oggi a Bruxelles, il tema dell’immigrazione perché si tratta di un problema in cui “L’Europa non può stare a guardare”. Ma quali sono i numeri dell’accoglienza nell’ambito dei paesi membri? Quali i paesi che si fanno maggiormente carico dei rifugiati all’interno dell’Ue? E, in base al numero degli abitanti, quali paesi hanno più rifugiati? Continua a leggere