Escapes 2017 call for presentations – panel 26

Quarta conferenza annuale di ESCAPES

Ripensare le migrazioni forzate
Teorie, prassi, linguaggi e rappresentazioni

Parma, 8 – 9 giugno 2017


Le migrazioni forzate in relazione allo spazio abitato

Proponente: Maria Giovanna Bevilacqua (Università della Svizzera italiana, Accademia di architettura di Mendrisio)

Il panel propone di ripensare il tema delle migrazioni forzate in relazione allo spazio fisico-territoriale locale al fine di individuare e proporre prassi nuove e alternative di accoglienza e di convivenza a partire dalla consapevolezza che lo spazio abitato legato al fenomeno delle migrazioni forzate si configura come spazio di marginalità sociale.
Alla luce di una distinzione tra alloggiare e abitare (che si potrebbe definire filosoficamente, in un certo senso,di matrice heideggeriana) è possibile circoscrivere lo spazio di “approdo”, di transito e di arrivo delle vittime delle migrazioni forzate come uno spazio del mero alloggiare. È uno spazio del provvisorio, dell’emergenziale. È uno spazio, per così dire, dell’“ammasso”, del “rifugio”, uno spazio del non finito e del non definito. È uno spazio della precarietà, in quanto non è un luogo contraddistinto da un progetto abitativo, ovvero esistenziale e migratorio.
Di questi spazi della marginalità e della provvisorietà è possibile individuare le caratteristiche definitorie in termini di veri e propri “contro-spazi” abitativi (in un certo senso, quasi delle eterotopie di foucaultiana memoria).Volendo dare un esempio concreto di ciò, fra tutti emerge quello che è stato, per anni, lo spazio della cosiddetta “giungla di Calais”.
Da queste considerazioni nascono i quesiti che motivano la definizione di questo panel e ai quali si vuole tentare di rispondere attraverso l’appello a presentare e dare diffusione a esiti di ricerche, buone prassi o proposte di ricerca e di ricerca/azione incentrate sui temi del luogo, del costruire, dell’abitare, delle relazioni fra luoghi, delle relazioni fra luoghi e abitanti.
In prima istanza il panel intende rispondere, a livello generale, a questo quesito: è possibile eludere una situazione di emergenza e di provvisorietà abitativa nell’affrontare l’attualità delle migrazioni forzate?

Nel particolare il quesito viene ad articolarsi in:
1. è possibile trovare modalità abitative alternative alla tipologia dello shelter provvisorio di fronte a fenomeni migratori inaspettati e di grande portata?
2. Quale potrebbe essere il ruolo del riuso architettonico e urbanistico di fronte a fenomeni migratori di grande portata?
3. Quale potrebbe essere il ruolo di decisioni politiche volte a favorire il cosiddetto riuso temporaneo di spazi dismessi, a favore di migranti forzati, nel contrastare la marginalità abitativa e sociale nonché il degrado di zone rurali o periferiche?
4.Quali esiti reali, possibili, futuribili in termini di accoglienza e integrazione di migranti forzati, a livello locale, possono provenire da proposte di riuso territoriale alternative rispetto alla modalità dello shelter e focalizzate al rispondere sia alle esigenze dei migranti sia alle esigenze “autoctone” dei luoghi di arrivo dei migranti?

Vai alla pagina della conferenza
Vai alla call for presentations
Call for presentations.pdf
Torna su