Escapes 2017 call for presentations – panel 2

Quarta conferenza annuale di ESCAPES

Ripensare le migrazioni forzate
Teorie, prassi, linguaggi e rappresentazioni

Parma, 8 – 9 giugno 2017


Dall’accoglienza al fare-casa:
spazi e risorse di “domesticità” nei percorsi abitativi dei migranti forzati

Proponenti: Cristina Bezzi (ATAS onlus), Paolo Boccagni (Università di Trento), Silvia Volpato (ATAS onlus)


l nostro panel invita a rileggere il tema della casa nell’esperienza di vita dei richiedenti protezione internazionale, guardando non solo all’accesso a (o l’esclusione da) strutture abitative di vario tipo, ma anche ai processi inclusione/esclusione relazionale, emotiva e simbolica – il “sentirsi a casa” oppure no – che si creano intorno ai percorsi di accoglienza.

Si tratta di aspetti intangibili, elusivi, eppure centrali per l’impatto di lungo periodo delle azioni di accoglienza. Dentro i vissuti dei migranti, questi aspetti sollevano questioni delicate e ben più che simboliche, se è vero – come molti osservano nei refugee studies – che uno dei tratti distintivi di questa esperienza di vita sta nel distacco prolungato, a volte imprevisto e imprevedibile, da tutto quello che fisicamente corrispondeva a “casa”. Nasce da qui l’interesse a raccogliere studi, idee, prassi su come e quanto, nel lavoro sociale con i richiedenti asilo in Italia, diverse soluzioni abitative-alloggiative, ma anche diverse modalità di vivere e organizzare gli spazi abitativi, aiutano le persone a sentirsi a casa, in qualche misura, anche in condizioni di incertezza e provvisorietà.

Trovare un posto per dormire, e poi una qualche sistemazione alloggiativa, e mantenerla nel tempo, sono esigenze quotidiane, a volte irrisolte, tra chi cerca protezione. Vederle con la lente del “fare-casa” vuol dire allargare i termini del problema, senza togliere nulla all’importanza della protezione materiale o del diritto all’abitare. Si tratta di guardare perché, in che modo e a quali condizioni le iniziative di accoglienza e integrazione attivino anche le dimensioni intangibili della casa: come le caratteristiche delle strutture abitative, le routine di vita negoziate con gli ospiti, le forme di accompagnamento sociale e di consumo del tempo libero influiscono sul senso soggettivo di spaesamento, o di sentirsi in qualche modo a casa, che si accompagna all’esperienza migratoria.

Naturalmente, molti fattori cruciali al riguardo – tempi ed esiti di esame della domanda, prospettive di inserimento sociale, relazioni con i familiari ecc. – vanno al di là del mandato degli operatori. A loro volta, però, le potenzialità dell’accoglienza e dei percorsi di supporto all’integrazione vanno molto al di là, per tutto ciò che riguarda la casa, della pura dimensione alloggiativa. Esiste intorno a questi temi un ricco patrimonio di pratiche, generalmente implicite e ancorate alle vicende locali di accoglienza, più meno efficace e duratura, nei territori italiani.

Questo panel mira a fare emergere e circolare almeno alcune storie al riguardo, attraverso l’elaborazione riflessiva di chi le ha personalmente vissute o osservate. Rielaborazioni di esperienze concrete, riuscite o no – accoglienza alloggiativa, accompagnamento all’abitare, ma anche iniziative legate a insediamenti informali, occupazioni, ecc. – possono essere fonti di idee, dilemmi e soluzioni da cercare in questa prospettiva.

Dall’accoglienza al fare-casa è indirizzato sia a ricercatori sociali, sia a operatori dei servizi di prima accoglienza. L’obiettivo che ci diamo non è semplicemente stimolare il dialogo fra “teoria” e “pratica”, ma vedere come l’attenzione alle dimensioni immateriali e relazionali dell’abitare possa alimentare idee e osservazioni innovative tra chi lavoro sul campo; e come i vissuti degli ospiti e operatori nelle strutture d’accoglienza, e di quanti si trovano ai margini anche di queste, aiutino a calare nella realtà l’idea astratta, a volte subdolamente romantica, di casa. Alla base del panel c’è proprio un primo confronto tra esperienze sul campo, maturate nell’associazione ATAS di Trento, e idee di ricerca, sviluppate dentro il progetto ERC HOMInG nel dipartimento di sociologia dell’Università di Trento.

Vai alla pagina della conferenza
Vai alla call for presentations
Call for presentations.pdf
Torna su