#escapes2020 – programma

Immagine di Francesco Bellina Posto di blocco alla frontiera del Niger, 2018#escapes2020 online
26 giugno 2020

Il governo della migrazione e dell’asilo
Resistenza e azione in tempi di ambivalenza e incertezze

L’immagine è di Francesco Bellina, Makalondi 2018

I contributi presentati per l’edizione 2020 online della conferenza annuale di Escapes sono organizzati su quattro stringhe tematiche:

  1. Comprendere il presente. All’origine di istituti, pratiche e dispositivi
  2. Resistenze, pratiche e azioni
  3. Guardare alle “zone d’ombra”
  4. Trovare e fare accoglienza nell’Europa dei sovranismi

1. Comprendere il presente. All’origine di istituti, pratiche e dispositivi

Esternalizzazione, controllo dei confini, delegittimazione e criminalizzazione: quali strumenti di contrasto delle migrazioni si stanno consolidando e quali contro-reazioni sono in campo?

Genere, sessualità e migrazioni forzate nella giurisprudenza italiana
Romina Amicolo, avvocata
ONG e intervento umanitario in Libia
Paolo Cuttitta, Université Sorbonne Paris Nord, Institut de Recherche sur le Maghreb Contemporain (Tunis)
L’imbroglio mediterraneo
Luca Ciabarri, Università degli studi di Milano
Dismantling Dublin, Restoring Borders: The Mobility of Asylum Seekers after the Refugee Crisis
Irene Serangeli, PhD Student, University of Trento

2. Resistenze, pratiche e azioni

Quali forme di azione politica e attivismo improntate al riconoscimento e alla solidarietà trovano spazio in un contesto in cui dilagano il razzismo e i movimenti anti-migranti?

COVID-19 and refugees: An opportunity to rethink citizenship?
Fabio Balducci, University of Bologna
Protetti ma non troppo. Ostacoli e rischi nella transizione all’autonomia di Minori Non Accompagnati beneficiari di uno status di protezione
Emanuela Bonini, ricercatrice Fondazione ISMU; Giulia Mezzetti, ricercatrice Fondazione ISMU, assegnista di ricerca Università Cattolica del Sacro Cuore
Rappresentare la città come forma di sovvertimento e diritto di parola. I migranti mappano l’Europa
Nausicaa Pezzoni, Politecnico di Milano, Centro Studi Assenza di Milano

3. Guardare alle “zone d’ombra”

Violenza, oppressione, disciplinamento: quali forme ambigue e grigie prende il governo delle migrazioni? Quali soggetti sono più esposti?

Libertà differenziate: tre punti di vista per riflettere sul confinamento dei migranti nella transizione Covid-19
Carlo Caprioglio, Dipartimento di Giurisprudenza, Università di Roma Tre; Francesco Ferri; Lucia Gennari

Qualche parola sul sistema della zona grigia
Jean-Pierre Cassarino, Collegio d’Europa (Varsavia), IMéRA/AMU (Marsiglia)
Diritti fondamentali, porti non sicuri ed emergenza sanitaria. Brevi note su due recenti decreti
Letizia Mancini, Professoressa associata, Università degli studi di Milano
“Razza”, genere, classe dei corpi e del potere. Quando l’asilo politico diventa una prospettiva radicale per guardare allo Stato
Barbara Pinelli, Ricercatrice in Antropologia, Università degli Studi Roma 3; Martina Tazzioli, Lecturer in Politics and Technology, Goldsmiths, University of London

4. Trovare e fare accoglienza nell’Europa dei sovranismi

Le logiche securitarie hanno preso il sopravvento nelle esperienze di accoglienza? Quale spazio è rimasto per praticare approcci alternativi e riconoscere la soggettività dei rifugiati?

Un tetto anche per i “diniegati”? Contraddizioni politiche e sociali di un programma di accoglienza per migranti irregolari ad Amsterdam
Silvia Aru, Politecnico di Torino, Marie Sklodowska-Curie fellow; Milena Belloni, FWO Postdoctoral Fellow/ Ricercatrice TRAFIG
Due passi indietro sulla strada dell’accoglienza e del diritto alla protezione
Emanuela Dal Zotto, Università degli Studi di Pavia
La violenza di genere letta dagli operatori dei servizi e dalla popolazione migrante: la ricerca del progetto Net Care
Cecilia Deserti, Oxfam; Elisa Maurizi, Centro antiviolenza La Nara di Prato; Giulia Borgioli, Centro di Salute Globale della Regione Toscana; Maria Nella Lippi, Oxfam
Le ulteriori violenze per le giovani donne alla luce delle nuove riforme
Alessandra Fantin, avvocata
Il disciplinamento dei corpi e la risignificazione identitaria nei centri di accoglienza
Veronica Leccese, antropologa, mediatrice culturale
Dal volontariato come restituzione alla partecipazione come cittadinanza. Esperienze di rifugiati durante il Covid e oltre
Chiara Marchetti, CIAC Onlus

#escapes2020 online presentazione

Torna su